Museomix: 3 giorni per cambiare il modo di vivere il museo.

Collaborazione, nuove tecnologie per una maratona in corso in 12 musei di 8 nazioni diverse, dall’Italia al Brasile

Sono tre i musei che daranno vita alla seconda edizione di Museomix: il Museo Civico di Storia Naturale di Ferrara, il Museo della Ceramica di Montelupo Fiorentino e l’Archeologico presso il CAOS – Centro Arti Opificio Siri – di Terni. Da venerdì 10 a domenica 12 novembre, la makeathon creativa si svolgerà contemporaneamente in 2 continenti, 8 nazioni e 12 città: da Belo Horizonte in Brasile a Città del Messico, sino a Bruxelles, passando per Spagna, Francia, Svizzera e Austria. È un evento collaborativo di respiro mondiale, impostato sulle connessioni culturali: accade nello stesso weekend in svariati luoghi e prevede 3 giorni di lavoro intellettuale e manuale di professionisti, sempre di squadra, per sviluppare proposte innovative e creare prototipi, da sottoporre al pubblico.

CULTURA = COMUNITÀ

Museomix è un laboratorio multidisciplinare fuori dagli schemi e una comunità internazionale, che prende casa negli spazi che trasforma: il coinvolgimento alla pari di professionisti e di appassionati, di esperti e di studenti, senza distinzioni né limiti di età, ha entusiasmato sempre più persone. Tecnologia, partecipazione e creatività: tra gli ingredienti del format è fondamentale la community disposta a supportare il museo durante gli step organizzativi. “People make museums” è il motto di Museomix e la community Italiana, coordinata da BAM! Strategie Culturali e IBC Emilia-Romagna con il supporto di NEMO Network of European Museums Organization, continua a lavorare per sperimentare un nuovo modo di vivere il museo. A due anni dalla sua nascita, la community riunisce gruppi creativi in Emilia-Romagna, Umbria e Toscana, riunendo gruppi di innovatori e creativi e diffondendosi da nord a sud tra amministrazioni virtuose, semplici sognatori, istituzioni lungimiranti e imprenditori pionieri.

«I fondatori di Museomix Italia hanno riunito una bella comunità aperta e attiva – afferma Juliette Giraud, ideatrice del format – sapendo interagire con le altre community di Museomix nel mondo. Hanno inoltre contribuito a valorizzare quel Bene Comune che noi tutti costituiamo nel nostro insieme e a unire i diversi know-how e le diverse esperienze, aldilà della complessità degli scambi e delle differenze culturali. Che Museomix possa svegliare gli spiriti e stimolare le idee per inventare, in Italia, il museo di domani: innovativo, aperto e partecipativo». Le idee non subiscono confini geografici né preconcetti; perciò comunicatori, designer, maker, programmatori informatici, esperti delle collezioni e mediatori culturali – selezionati attraverso una call internazionale – condivideranno un progetto dentro un museo che diventerà un’officina dove si inventano e realizzano strumenti innovativi di mediazione, utili a migliorare la fruizione e coinvolgere nuovi pubblici.

COME FUNZIONA

Dopo un’approfondita visita al museo e la spiegazione dei terreni di gioco (suggestioni, personaggi e scenari individuati dagli organizzatori dopo un attento esame delle collezioni e del contesto) i cosiddetti ‘museomixer’, si radunano in équipe, ognuna composta da 6 persone con 6 diverse professionalità. Il primo giorno sarà dedicato allo sviluppo del concept, con lo scopo di avere un progetto da sviluppare concretamente. Conclusa la fase di design, nel secondo e nella prima parte del terzo giorno le équipe sono interamente concentrate nella produzione del prototipo: tra chi materialmente costruirà l’oggetto elaborato, servendosi del fablab, del laboratorio di bricolage e del magazzino tecnologico, detto ‘techshop’ (installati per l’occasione all’interno del museo) e chi dovrà elaborarne il racconto e il brand o svilupparne la parte elettronica/software. Tutta la macchina organizzativa si attiva per arrivare a installare i prototipi e accogliere il pubblico, chiamato a sperimentarli, l’ultimo giorno, domenica 12 novembre, dalle 16, durante il quale i musei saranno a ingresso gratuito.

GLI OBIETTIVI

Il più concreto ed evidente è quello di dotare il museo di nuovi strumenti tecnologici o percorsi di visita creativi e animati che ne possano migliorare la fruibilità. Nelle edizioni passate si sono sviluppati prototipi che sfruttavano, tra le altre cose, realtà aumentata, ologrammi, riproduzioni audio-video, piattaforme Arduino ma anche la recitazione di attori e l’esperienza di visitatori non vedenti. Il fine della tre giorni è rendere sempre più interattive a accessibili le collezioni. Ma, un museo che decide di farsi “remixare”, mira anche a un risultato a più lungo termine: sperimentare un nuovo modo di vivere spazi e collezioni, aprirsi al confronto con nuovi ambiti professionali.

I PROTAGONISTI DEL 2017

A Montelupo Fiorentino, il Museo della Ceramica si prepara a unire e mixare le sue tra anime: Museo Archivio e Biblioteca. Nato dalla scoperta archeologica del “Pozzo dei Lavatoi” il museo raccoglie ed espone una produzione ceramica che abbraccia 5 secoli, dal 1200 al 1700. Le ceramiche esposte sono antiche, ma non per questo il Museo tiene gli occhi bendati e la testa girata all’indietro, tutt’altro. Sono molti i progetti legati all’arte contemporanea che la Fondazione Museo Montelupo sostiene, organizza e promuove e l’edificio che lo ospita si anima in estate e in inverno con eventi di tutti i tipi: dj set, mostre, presentazioni di libri, concerti ed ha un punto “ghiotto”, le prelibatezze culinarie del MMAB Caffè.

Tags:

Lascia un commento