Fabbri, Fancello, Fontana, Leoncillo, Melotti, Recalcati

Doppia personale: Bruno Ceccobelli e Marco Ulivieri

12 novembre 2016 – 15 gennaio 2017

Palazzo Podestarile, via Baccio da Montelupo, 45 – Montelupo Fiorentino

A cura di Marco Tonelli

Iniziativa promossa da Fondazione Museo Montelupo, in collaborazione con Montrasio Arte, con il supporto del Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato e della Regione Toscana nell’ambito del progetto “Toscanaincontemporanea2016”.

L’arte contemporanea torna protagonista a Montelupo. Dopo la presentazione di Leoncillo, Spagnulo, Mainolfi, Cerone, Ducrot all’interno della rassegna Materia Prima (marzo-giugno 2016), il Palazzo podestarile ospita una mostra di sculture in ceramica, con una sezione storica dedicata ad alcuni dei protagonisti della storia dell’arte italiana della prima metà del XX secolo: Agenore Fabbri (1911-1998), Salvatore Fancello (1916-1941), Lucio Fontana (1899-1968), Leoncillo Leonardi (1915-1968), Fausto Melotti (1901-1986), Antonio Recalcati (1938).

L’esposizione, che occupa il primo piano dello spazio museale, presenterà sculture vere e proprie (Leoncillo, Fontana, Fancello), reinterpretazioni del corpo e dello spazio, e alcuni vasi reinventati secondo forme distanti dal semplice oggetto funzionale o di design (Melotti, Recalcati, Fabbri), il tutto all’interno della poetica di avanguardia e innovazione di artisti che hanno partecipato e dato vita ai movimenti di rottura dell’arte moderna, come lo Spazialismo, l’Astrattismo, l’Informale.

Nel piano inferiore del palazzo, recuperato nel 2016 secondo una nuova e aggiornata veste espositiva e architettonica, due artisti contemporanei esporranno installazioni scultoree anch’esse in ceramica, secondo modalità assai distanti tra loro, si tratta di Bruno Ceccobelli (1952), protagonista fin dagli anni Ottanta sulla scena italiana e internazionale e Marco Ulivieri (1975), giovane e originale sperimentatore della ceramica.

Ceccobelli ha realizzato 12 maschere dal titolo Autoritratti da dentro in ceramica smaltata a lustro dai colori vitriolici, irreali, evocativi, simbolici, che altro non sono che calchi in terracotta del volto dell’artista, che metterà a confronto le sue opere con gli spazi affrescati del Palazzo Podestarile.

Marco Ulivieri esporrà le sue tipiche geometrie e strutture in ceramica bianca, composte di sottili filamenti e intrecci al limite estremo delle possibilità tecniche che offre attualmente la lavorazione di questa materia.

L’intero progetto è curato dal direttore artistico di Materia Prima, il critico d’arte Marco Tonelli e si inserisce nell’ambito del progetto Toscanaincontemporanea2016.

Disponibile catalogo a cura di Marco Tonelli

Ingresso gratuito

Orari di apertura

Sabato e domenica: 10.00 – 19.00
8, 9, 23, 30 dicembre: 10.00 – 19.00

24 e 31 dicembre: 10.00 – 14.00

Chiuso il 25 e 26 dicembre e il 1 gennaio

Apertura su prenotazione nei giorni non indicati

Per informazioni: 0571/51087; info@museomontelupo.it

Scopri di più sulla mostra e sugli artisti

#FormaCeramica2016